Si chiude…

marzo 14th, 2013 — 11:54pm

…ma si prosegue altrove

di Marco Cagnotti

È cominciato con un senso di stanchezza, pressappoco due anni fa. Mi svegliavo la mattina e non avevo una gran voglia di mettermi a lavorare. Mi mancava lo slancio. La passione. L’amore. Poi, certo, lavoravo comunque, perché sono un professionista. Per inerzia, però. E non una mattina soltanto. Macché: tante mattine, una dopo l’altra. E la sera andavo a dormire scontento. Perché il lavoro non mi aveva dato soddisfazione, pensavo. Invece il motivo era diverso: non ne capivo più il senso, lo scopo.

Continua… (Dvel)

Commenti disabilitati | Doxa

I meteoriti del Lago Chebarkul

marzo 13th, 2013 — 9:07am

di Michele Diodati

Il 15 febbraio 2013 la zona intorno alla città russa di Chelyabinsk, negli Urali, è stata sconvolta dalla potente esplosione in quota di un piccolo asteroide del diametro stimato di 17 metri e del peso di circa 10 mila tonnellate, penetrato una trentina di secondi prima nell’atmosfera terrestre.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Hanno dato fuoco alla Città della Scienza

marzo 6th, 2013 — 4:05pm

Fonte: il Fatto Quotidiano


1 comment » | Imagina

NGC 2467, un mandrillo tra le stelle

marzo 6th, 2013 — 8:34am

di Michele Diodati 

La nebulosa a emissione NGC 2467, nella costellazione australe della Poppa, è una complessa area di formazione stellare che comprende oggetti posti a distanze differenti lungo la stessa linea di vista. Vi sono giovani stelle blu che emettono una potente radiazione ultravioletta, ammassi aperti, vaste nebulosità di gas ionizzato e stelle in formazione ancora avvolte nei loro bozzoli.

Immagine in campo grande centrata su NGC 2467, ricavata dalla Digitized Sky Survey 2. L'area osservata ha un'estensione angolare di meno di 2 gradi (vedi anche in alta risoluzione). (Cortesia: DSS2/Davide De Martin)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Spazio profondo

Pane & Curriculum

marzo 4th, 2013 — 10:56am


Comment » | Imagina

Grazioso ma inutile

marzo 2nd, 2013 — 12:13pm

di Marco Cagnotti

Non so… grazioso è grazioso. Tecnicamente è ineccepibile. E’ anche toccante, volendo. Ma se lo scopo era invogliare alla lettura… beh, a me sembra un fallimento.


2 comments » | Doxa, Imagina

I pesi massimi tra i buchi neri supermassicci

marzo 1st, 2013 — 8:08am

di Michele Diodati

Residui ultracompatti di stelle massicce esplose come supernovae, i buchi neri sono oggetti al limite della comprensione. Sono circondati da dischi di accrescimento in rotazione, che attirano materia dallo spazio circostante e possono produrre spettacolari getti, attraverso i quali parte della materia in caduta verso il buco nero viene restituita al mezzo interstellare. Lo spazio viene così fecondato di elementi che saranno incorporati in nuove generazioni di stelle.

Continua… (Memoria dello Spazio)

4 comments » | Imagina

Siamo fatti di minchiate

febbraio 28th, 2013 — 9:22am

di Marco Cagnotti

Sto impicciato con il lavoro e ho tempo solo per una brevissima segnalazione al pubblico ludibrio. Sicché cliccate e ascoltate: è breve, sono meno di 7 minuti. Ascoltate e poi godete: la memoria dell’acqua, il teletrasporto e quant’altro. Compresi “brevi cenni” sull’universo. Anche perché “non sappiamo veramente di che cosa siamo fatti”. Sbagliato: a sentir ‘sta roba, scopriamo che siamo fatti di minchiate, ahinoi.

10 comments » | Materia oscura

Asteroidi e coincidenze

febbraio 28th, 2013 — 9:01am

di Michele Diodati

L’asteroide che il 15 febbraio 2013 si è disintegrato sui monti Urali in Russia, rompendo gran parte dei vetri degli edifici della città di Chelyabinsk, ha creato una duplice, insolita coincidenza astronomica. La prima e più appariscente è stata il sovrapporsi di questo evento del tutto inatteso con il passaggio ravvicinato di un altro asteroide, 2012 DA 14, che proprio quel giorno ha sfiorato la Terra, sfrecciando a soli 27.680 chilometri sopra i cieli dell’Indonesia, al di sotto dell’orbita dei satelliti geostazionari (anche questo un evento molto raro).

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Spazio profondo

Einstein

febbraio 27th, 2013 — 8:26am

Fonte: Abstruse Goose


3 comments » | Imagina

Il sistema planetario Kepler-37 (lillipuziani caldi alla riscossa)

febbraio 23rd, 2013 — 9:24am

di Michele Diodati

Kepler-37 è una stella di sequenza principale, di età raggio e massa relativamente simili al Sole, situata nella costellazione della Lira (la stessa della brillante Vega) a una distanza di circa 215 anni-luce dalla Terra. Intorno a questa stella di magnitudine apparente 9,7, il telescopio spaziale Kepler ha scoperto la presenza di quattro possibili pianeti.

Kepler-37 è la stella evidenziata dal cerchio giallo in questo campo stellare ripreso dalla Digitized Sky Survey. (Cortesia: DSS2)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Berlusconiani anonimi

febbraio 19th, 2013 — 8:32am


2 comments » | Imagina

ESO 306-17, un predatore senza più prede

febbraio 19th, 2013 — 8:20am

di Michele Diodati

In generale, le galassie possono essere considerate “sociali”: se ne vanno a spasso in gruppi e interagiscono frequentemente. Tuttavia, questa immagine del telescopio spaziale Hubble mette in evidenza come talune galassie preferiscano comportarsi da solitarie affamate. Simili stranezze cosmiche hanno posto gli astronomi di fronte al “caso” delle galassie vicine scomparse.

La gigantesca galassia ellittica ESO 306-17, situata nella costellazione meridionale della Colomba. (Cortesia: NASA/ESA/Michael West/ESO)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

E sì, zappando sono finito per sbaglio su Sanremo…

febbraio 15th, 2013 — 11:54pm

…e m’ha ispirato, purtroppo.



1 comment » | Imagina

Io sono qui

febbraio 13th, 2013 — 5:14pm

Per inciso, a ‘sto giro ho votato anch’io.

(Se qualcun altro vuole cimentarsi, vada qui.)

9 comments » | Doxa

Una miriade di nane rosse e di pianeti abitabili

febbraio 11th, 2013 — 8:32am

di Michele Diodati

Lanciato il 7 marzo 2009, il telescopio spaziale Kepler non ha di certo deluso le aspettative degli astronomi. Sono ormai oltre 100 gli esopianeti, cioè i pianeti orbitanti stelle diverse dal Sole, la cui esistenza è stata scientificamente confermata. A fianco di questi, vi sono poi migliaia di candidati pianeti in attesa di conferma (2.740 a gennaio 2013). E nuovi candidati continuano ad aggiungersi all’elenco, a mano a mano che i dati provenienti dallo spazio vengono esaminati e riesaminati da una vasta comunità di astronomi e di semplici appassionati.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Spazio profondo

Lampi di protostella

febbraio 6th, 2013 — 8:09am

di Michele Diodati

Subito dopo aver deciso il titolo di questo post, mi è venuto in mente che sarebbe stato perfetto per un’arma di Goldrake, il gigantesco robot “componibile” dei cartoni animati giapponesi di fine Anni Settanta. Me lo sono immaginato pronto a saettare contro il nemico di turno, urlando minacciosamente: “Lampi di protostella!”.

Purtroppo Goldrake non ha davvero nulla a che fare con la scoperta che ha ispirato il titolo, il quale si giustifica unicamente per il fatto che descrive in modo appropriato i fatti osservati dagli astronomi.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Messier 78, un tesoro nascosto e ritrovato

febbraio 4th, 2013 — 8:33am

di Michele Diodati

La nebulosa a riflessione Messier 78, ripresa con il telescopio da 2,2 metri dell'ESO in Cile. (Cortesia: ESO/I. Chekalin)

La splendida nebulosa a riflessione Messier 78 (più brevemente M78) è l’oggetto di quest’immagine astronomica, realizzata a partire dai dati recuperati nell’archivio dell’ESO dal russo Igor Chekalin, vincitore del concorso “Tesori nascosti 2010″.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

E-ELT, il telescopio estremamente grande

gennaio 27th, 2013 — 10:33pm

di Michele Diodati

L’European Southern Observatory (ESO) sta progettando la costruzione di quello che – se davvero sarà costruito – sarà il più grande telescopio del mondo. Il progetto originale prevedeva uno specchio primario da 42 metri con un’area utile di circa 1.300 metri quadri. Il prezzo proibitivo, previsto in 1.275 milioni di euro, ha costretto a rivedere il progetto al ribasso. Lo specchio primario sarà così più piccolo: 39,3 metri di diametro per 978 metri quadri di area. Ciò farà scendere il costo totale dell’impresa a 1.055 milioni di euro.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Spazio profondo

Tutti i colori del Sole

gennaio 25th, 2013 — 8:03am

di Michele Diodati

Lanciato dalla NASA l’11 febbraio 2010, il Solar Dynamics Observatory, più brevemente SDO, è il più sofisticato tra gli Osservatori solari inviati a studiare la nostra stella al di fuori dell’atmosfera terrestre. I suoi due strumenti – AIA (Atmospheric Imaging Assembly) e HMI (Helioseismic and Magnetic Imager) – producono quotidianamente immagini del Sole in numerose, diverse lunghezze d’onda, fino alla risoluzione massima di 4096×4096 pixel, circa 8 volte maggiore di quella tipica di un televisore ad alta definizione.

L’immagine seguente è un mosaico di particolari della superficie e dell’atmosfera solari, ripresi dal Solar Dynamics Observatory nelle differenti lunghezze d’onda alle quali operano i suoi strumenti.

Un mosaico di particolari della superficie e dell'atmosfera solari, ripresi dal Solar Dynamics Observatory nelle differenti lunghezze d'onda alle quali operano gli strumenti di SDO. (Cortesia: NASA/SDO/Goddard Space Flight Center)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina, Spazio profondo

Qualcosa di nuovo su Chang’e 2 e Toutatis

gennaio 24th, 2013 — 9:09am

di Michele Diodati

Emily Lakdawalla, dal suo blog su “The Planetary Society”, ci informa che il 15 gennaio scorso Han Li, esperta di scienze planetarie dell’Accademia Cinese delle Scienze, ha tenuto una presentazione sulla missione della sonda Chang’e 2. L’occasione è stata l’ottavo meeting della NASA sui corpi minori del sistema solare (SBAG, Small Bodies Assessment Group), organizzato a Washington.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

gennaio 23rd, 2013 — 9:17am

Cordiale redazione,

avrei un quesito teorico che potreste essere in grado di risolvermi: se una persona provenisse da un universo parallelo con informazioni importanti, a chi potrebbe rivolgersi per trovare assistenza su questo vostro continuum? Preferibilmente nell’area di Roma, tenendo presente che il soggetto in questione non vuole avere nulla a che fare con la NASA o altre agenzie aerospaziali, perché le ritiene organizzazioni estremamente ostili e pericolose per la sua missione e per la sua persona.

Grazie per l’attenzione

Patrizio

Risposta della redazione:
Il Vaticano, che possiede un know how formidabile e un’esperienza plurimillenaria nell’ambito dell’invenzione e della diffusione di cazzate su scala planetaria.
Ma i lettori di Stukhtra potranno volentieri fornire alternative.

 

4 comments » | Servizio

L’onda d’urto di Betelgeuse

gennaio 23rd, 2013 — 8:48am

di Michele Diodati

Il telescopio spaziale Herschel, dell’ESA, ha ripreso la supergigante rossa Betelgeuse nel lontano infrarosso. Ciò che l’immagine mostra è lo spettacolare effetto combinato delle perdite di massa e del moto della stella, giunta probabilmente alle fasi finali della sua esistenza e non troppo lontana dal momento in cui esploderà come supernova.

Immagine composita di Betelgeuse, acquisita con lo strumento PACS del telescopio spaziale Herschel alle lunghezze d'onda di 70, 100 e 160 micrometri. Il campo osservato misura circa 25 arcominuti per lato. (Cortesia: ESA/Herschel/PACS/L. Decin et al.)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

Un assaggio d’immensità

gennaio 21st, 2013 — 11:55am

Un assaggio d’immensità

di Michele Diodati

Galileo rimase stupito e ammirato, quando si accorse con il suo piccolo cannocchiale che le stelle in cielo erano molte più di quelle che poteva vedere a occhio nudo. Nei quattro secoli trascorsi da allora, lo sviluppo della tecnologia ha reso i telescopi sempre più potenti. Di conseguenza è aumentata in misura impressionante la quantità di stelle osservabili e la densità dei campi stellari visibili in un’unica immagine.

Una vista in formato ridotto della grande immagine del centro galattico prodotta da Stéphane Guisard. (Cortesia: S. Guisard/ESO)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

Astronomia sociale

gennaio 18th, 2013 — 7:49am

di Michele Diodati

Non è possibile scrivere un articolo su ciascuna delle numerose novità astronomiche che quotidianamente vengono sfornate da agenzie spaziali, università, centri di ricerca e riviste specializzate. Soprattutto se piace approfondire e scrivere con cognizione di causa, dopo aver consultato i paper di riferimento, senza limitarsi al banale copia e incolla dai comunicati stampa.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Servizio

La discesa di Huygens su Titano

gennaio 15th, 2013 — 9:09am

di Michele Diodati

In occasione dell’ottavo anniversario della discesa della sonda Huygens sulla superficie di Titano, la luna più grande di Saturno, l’ESA ha pubblicato un’animazione che ricostruisce da quattro diversi punti di vista l’atterraggio del piccolo aggeggio discoidale sganciato dalla sonda Cassini il 14 gennaio 2005.

Continua… (Memoria dello Spazio)

2 comments » | Imagina

Meanwhile, in Vera Cruz…

gennaio 10th, 2013 — 9:30am


Comment » | Imagina

Ve la cercate…

dicembre 27th, 2012 — 9:16am

…se gli date retta

di Marco Cagnotti

Dice che se la cercano. Dice che se vestono in abiti succinti provocano e poi succede che le violentano. Dice che se trascurano la famiglia e i figli sono arroganti e poi capita che le ammazzano. Dice pure che se non ti ecciti come un mandrillo quando vedi una donna discinta sei frocio. Dice. E sai che c’è? Ha ragione: le donne se la cercano. Ma non le donne che dice lui e non perché lo dice lui.

Continua… »

61 comments » | Doxa

Rea, gelida e butterata

dicembre 27th, 2012 — 9:00am

di Michele Diodati

Con un diametro di circa 1.530 chilometri, Rea è il secondo satellite di Saturno per grandezza, dopo Titano. Scoperta il 23 dicembre 1672 da Gian Domenico Cassini, faceva parte con Teti, Dione e Giapeto dei cosiddetti Sidera Lodoicea, le Stelle di Luigi, enfatico appellativo con il quale Cassini intese onorare il re Luigi XIV (la piaggeria era d’obbligo all’epoca per chi poteva lavorare solo ingraziandosi sovrani e mecenati: si pensi ai satelliti medicei di Giove, intitolati da Galileo a Cosimo II de’ Medici).

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

La migrazione delle vagabonde blu

dicembre 23rd, 2012 — 12:26pm

di Michele Diodati

L’età dinamica di un ammasso globulare non sempre corrisponde alla sua età cronologica. Uno studio condotto da ricercatori italiani dimostra che questi antichissimi superstiti dell’universo primordiale possono mantenersi straordinariamente giovani oppure invecchiare in modo catastrofico, con il repentino collasso del nucleo, causato dallo sprofondamento degli oggetti massicci verso il centro.

L'ammasso globulare NGC 6388, ripreso con lo strumento ACS del telescopio spaziale Hubble. (Cortesia: NASA/ESA/F. Ferraro/Università di Bologna)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Back to top