Archive for gennaio 2013


E-ELT, il telescopio estremamente grande

gennaio 27th, 2013 — 10:33pm

di Michele Diodati

L’European Southern Observatory (ESO) sta progettando la costruzione di quello che – se davvero sarà costruito – sarà il più grande telescopio del mondo. Il progetto originale prevedeva uno specchio primario da 42 metri con un’area utile di circa 1.300 metri quadri. Il prezzo proibitivo, previsto in 1.275 milioni di euro, ha costretto a rivedere il progetto al ribasso. Lo specchio primario sarà così più piccolo: 39,3 metri di diametro per 978 metri quadri di area. Ciò farà scendere il costo totale dell’impresa a 1.055 milioni di euro.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Spazio profondo

Tutti i colori del Sole

gennaio 25th, 2013 — 8:03am

di Michele Diodati

Lanciato dalla NASA l’11 febbraio 2010, il Solar Dynamics Observatory, più brevemente SDO, è il più sofisticato tra gli Osservatori solari inviati a studiare la nostra stella al di fuori dell’atmosfera terrestre. I suoi due strumenti – AIA (Atmospheric Imaging Assembly) e HMI (Helioseismic and Magnetic Imager) – producono quotidianamente immagini del Sole in numerose, diverse lunghezze d’onda, fino alla risoluzione massima di 4096×4096 pixel, circa 8 volte maggiore di quella tipica di un televisore ad alta definizione.

L’immagine seguente è un mosaico di particolari della superficie e dell’atmosfera solari, ripresi dal Solar Dynamics Observatory nelle differenti lunghezze d’onda alle quali operano i suoi strumenti.

Un mosaico di particolari della superficie e dell'atmosfera solari, ripresi dal Solar Dynamics Observatory nelle differenti lunghezze d'onda alle quali operano gli strumenti di SDO. (Cortesia: NASA/SDO/Goddard Space Flight Center)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina, Spazio profondo

Qualcosa di nuovo su Chang’e 2 e Toutatis

gennaio 24th, 2013 — 9:09am

di Michele Diodati

Emily Lakdawalla, dal suo blog su “The Planetary Society”, ci informa che il 15 gennaio scorso Han Li, esperta di scienze planetarie dell’Accademia Cinese delle Scienze, ha tenuto una presentazione sulla missione della sonda Chang’e 2. L’occasione è stata l’ottavo meeting della NASA sui corpi minori del sistema solare (SBAG, Small Bodies Assessment Group), organizzato a Washington.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Novae

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

gennaio 23rd, 2013 — 9:17am

Cordiale redazione,

avrei un quesito teorico che potreste essere in grado di risolvermi: se una persona provenisse da un universo parallelo con informazioni importanti, a chi potrebbe rivolgersi per trovare assistenza su questo vostro continuum? Preferibilmente nell’area di Roma, tenendo presente che il soggetto in questione non vuole avere nulla a che fare con la NASA o altre agenzie aerospaziali, perché le ritiene organizzazioni estremamente ostili e pericolose per la sua missione e per la sua persona.

Grazie per l’attenzione

Patrizio

Risposta della redazione:
Il Vaticano, che possiede un know how formidabile e un’esperienza plurimillenaria nell’ambito dell’invenzione e della diffusione di cazzate su scala planetaria.
Ma i lettori di Stukhtra potranno volentieri fornire alternative.

 

4 comments » | Servizio

L’onda d’urto di Betelgeuse

gennaio 23rd, 2013 — 8:48am

di Michele Diodati

Il telescopio spaziale Herschel, dell’ESA, ha ripreso la supergigante rossa Betelgeuse nel lontano infrarosso. Ciò che l’immagine mostra è lo spettacolare effetto combinato delle perdite di massa e del moto della stella, giunta probabilmente alle fasi finali della sua esistenza e non troppo lontana dal momento in cui esploderà come supernova.

Immagine composita di Betelgeuse, acquisita con lo strumento PACS del telescopio spaziale Herschel alle lunghezze d'onda di 70, 100 e 160 micrometri. Il campo osservato misura circa 25 arcominuti per lato. (Cortesia: ESA/Herschel/PACS/L. Decin et al.)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

Un assaggio d’immensità

gennaio 21st, 2013 — 11:55am

Un assaggio d’immensità

di Michele Diodati

Galileo rimase stupito e ammirato, quando si accorse con il suo piccolo cannocchiale che le stelle in cielo erano molte più di quelle che poteva vedere a occhio nudo. Nei quattro secoli trascorsi da allora, lo sviluppo della tecnologia ha reso i telescopi sempre più potenti. Di conseguenza è aumentata in misura impressionante la quantità di stelle osservabili e la densità dei campi stellari visibili in un’unica immagine.

Una vista in formato ridotto della grande immagine del centro galattico prodotta da Stéphane Guisard. (Cortesia: S. Guisard/ESO)

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Imagina

Astronomia sociale

gennaio 18th, 2013 — 7:49am

di Michele Diodati

Non è possibile scrivere un articolo su ciascuna delle numerose novità astronomiche che quotidianamente vengono sfornate da agenzie spaziali, università, centri di ricerca e riviste specializzate. Soprattutto se piace approfondire e scrivere con cognizione di causa, dopo aver consultato i paper di riferimento, senza limitarsi al banale copia e incolla dai comunicati stampa.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Comment » | Servizio

La discesa di Huygens su Titano

gennaio 15th, 2013 — 9:09am

di Michele Diodati

In occasione dell’ottavo anniversario della discesa della sonda Huygens sulla superficie di Titano, la luna più grande di Saturno, l’ESA ha pubblicato un’animazione che ricostruisce da quattro diversi punti di vista l’atterraggio del piccolo aggeggio discoidale sganciato dalla sonda Cassini il 14 gennaio 2005.

Continua… (Memoria dello Spazio)

2 comments » | Imagina

Meanwhile, in Vera Cruz…

gennaio 10th, 2013 — 9:30am

Comment » | Imagina

Back to top