I pesi massimi tra i buchi neri supermassicci

marzo 1st, 2013 — 8:08am

di Michele Diodati

Residui ultracompatti di stelle massicce esplose come supernovae, i buchi neri sono oggetti al limite della comprensione. Sono circondati da dischi di accrescimento in rotazione, che attirano materia dallo spazio circostante e possono produrre spettacolari getti, attraverso i quali parte della materia in caduta verso il buco nero viene restituita al mezzo interstellare. Lo spazio viene così fecondato di elementi che saranno incorporati in nuove generazioni di stelle.

Continua… (Memoria dello Spazio)

Be Sociable, Share!

Categoria: Imagina | Tags: , 4 commenti »

4 Responses to “I pesi massimi tra i buchi neri supermassicci”

  1. Alexandre

    mi faccio i cacchi altrui, e mi scuso in anticipo, ma:

    Come sta il caro Mario Gatti? E possiamo aspettarci un articolino sul fatto che il 2013 avrebbe dovuto essere l’anno del “Solar Max” ma che pare che il sole sia fiacchetto, quest’anno?

  2. Mario Gatti

    Sto bene, caro Alexandre’ grazie per il tuo interessamento. Per quanto riguarda il Sole e il 2013 mi sa che devi avere un pochino di pazienza e aspettare almeno i primi sei mesi di quest’anno prima che qualcuno si azzardi a fare previsioni. Di sicuro gai ragione su una cosa: in questi primi due mesi e’ stato molto fiacco. Addirittura in Febbraio la forza del ciclo e’ stata la metà di quella prevista dal modello che vorrebbe il massimo per Settembre 2013. D’altra parte e’ stato molto più attivo del previsto nella seconda metà del 2011, quindi in anticipo. Una recente teoria ha visto in quel periodo un vero e proprio massimo, al quale dovrebbe seguirne un altro, secondario, ma non si sa se più forte o più debole del primo, per Febbraio 2014. Anticipo una tua legittima domanda: questa non sarebbe un’anomalia, ma la regola. Tutti i cicli fanno così, solo che per alcuni il gap temporale tra i due massimi e quindi appaiono come un solo picco se si osserva l’intero disco, ma una analisi più accurata con osservazioni effettuate scansionando il sole in tante fasce di latitudine permette quasi sempre di evidenziare questo gap. Quindi devi solo attendere per avere qualche info più precisa. Stammi bene anche tu, ciao.

  3. Mario Gatti

    Correggo un errore del mio post precedente: il gap temporale tra i due massimi e’ molto breve e quindi appaiono come un solo ciclo. Chiedo scusa ma sto scrivendo di fretta.

  4. Alexandre

    Grazie per la risposta! E allora aspetterò :P


Lascia un commento

I commenti su Stukhtra non sono moderati. La redazione si affida quindi alla civiltà dei lettori, che invita a essere cortesi e rispettosi delle persone e delle idee. Non verranno tollerati volgarità gratuite, insulti, offese, calunnie e diffamazioni. In caso di intemperanze, i commenti incivili verranno rimossi a insindacabile giudizio della redazione.



Back to top